le Mascherine da scegliere e da evitare

- Categorie : Root

Ormai stiamo diventando esperti anche su questo argomento, purtroppo, ma lo siamo abbastanza? Ecco quali sono le mascherine utili e quelle inutili.

Le mascherine da scegliere

Abbiamo visto in TV e sul web molte tipologie di mascherine, anche molto diverse fra loro. Perchè le mascherine non sono tutte uguali? Il motivo sta nel fatto che non tutti, per fortuna, entriamo certamente a contatto con portatori del Corona Virus, per cui una protezione totale (certificata al 95%) dalle famosissime FP3, non è necessaria a tutti noi. Le mascherine FP3 e  FP2 con filtri dalla durata di alcuni giorni sono quelle da "reparto Covid". Come vediamo spesso in TV i medici indossano anche un'altra mascherina, la classica a tre vili usa getta da chirurgo, perchè nel loro ambiente di lavoro c'è sicuramente la presenza del virus nell'aria, quindi una mascherina riutilizzabile deve essere a sua volta sicura per essere riutilizzata, cioè non portatrice del virus. Queste mascherine quindi sono più adatte agli operatori sanitari in prima linea. Ci sono poi le altre mascherine, vediamo quali sono e quali è da evitare.

Le mascherine inutili

All'inizio ci siamo tutti organizzati come abbiamo potuto, ma la mascherina fatta in casa, se in cotone, è assolutamente inutile, perchè non filtrano nulla.

La prof.ssa Ravizza, ingegnera biomedica del progetto per la ripartenza dell’Ateneo torinese, parla di un’alternativa sicura alle mascherine non adatte. Il materiale adatto per la produzione di mascherine per uso lavorativo non sanitario è il TNT (tradotto: tessuto non tessuto). Questo materiale molto duttile può essere lavorato da decine di imprese italiane che, con i tempi tecnici della burocrazia, si intende far certificare dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

Mascherine di Comunità

Queste nuove mascherine saranno definite mascherine di comunità, e troveranno il loro posto accanto alle più famose Ffp2 ed Ffp3, attualmente usate nei reparti Covid-19, e a quelle chirurgiche utilizzate dagli operatori sanitari.

Le mascherine di comunità avranno una capacità filtrante dell’85% che, secondo Ravizza, sarà più che sufficiente se utilizzate in un ambiente di lavoro dove si sarà obbligati a rispettare le regole e i controlli, e dove si dovrà recare soltanto chi è in salute.

Scongiurando un rilascio nell'ambiente di 90 milioni di mascherine usa e getta al mese, chi non è a contatto certo con malati covid, può optare per mascherine in TNT lavabili multiuso, come queste:

Mascherine Multiuso lavabili

https://www.migliormaterasso.it/it/articoli-antiacaro-e-antibatterici/mascherina-multiuso-lavabile-prezzo-757.html

Condividi

Aggiungi un commento

 (con http://)

Prodotto aggiunto alla lista
Prodotto aggiunto al confronto.