Come pulire il materasso consigli per togliere le macchie

Postato da: Attilio staff in: mondo dei materassi e arredi del: commenti: 0 visite: 2279

E' bene sapere come pulire il  materasso considerando quello che si accumula sul tessuto per poi depositarsi ed accumularsi al suo interno. Oltre agli acari della polvere e altri microrganismi bisogna temere il sudore che viene assorbito insieme alle cellule epiteliali morte (di cui si nutrono gli acari, tra l’altro) rappresentando un nemico dell’igiene. Ovviamente tutti i fluidi organici come sangue, urine e altro, rappresentano un ostacolo al mantenimento igienico del letto generando muffe e funghi. A meno che non si faccia la doccia prima di dormire ogni notte, il materasso potrebbe anche contenere smog e sporco in genere, oli, prodotti chimici e persino il polline.
Mentre molti cuscini possono essere lavati, anche in lavatrice, lavare il materasso non è facile o comunque non si procede nello stesso modo. Ecco alcuni suggerimenti per pulire ed igienizzare i materassi.

Macchie, sporco, polvere

come pulire il materasso

Cerchiamo di capire come si può mantenere l’igiene e la pulizia del materasso e come intervenire nel caso di pulizia straordinaria per macchie e sporco di ogni genere.

igiene materasso

Attenzione alle etichette per il lavaggio!

Tra gli accessori più venduti che proponiamo sul nostro sito ci sono i rivestimenti per materassi (fodere di rivestimento esterno del materasso). Capita spesso, infatti, che si debba sostituire il tessuto esterno di rivestimento del materasso non perché sporco macchiato o logoro, ma perché inutilizzabile dopo il lavaggio causa restringimenti o perché l’imbottitura del rivestimento non poteva essere lavata ad acqua, ma a secco, perché imbottita in Memory, lattice o altre schiume, o perché sono stati utilizzati additivi o candeggi assolutamente sconsigliati e da evitare. Spesso sono le stesse lavanderie che ci contattano, ma quando il danno è fatto non c’è molto da fare.

Guida alla lettura delle etichette per il lavaggio tessuti

legenda etichetta lavaggio

Dobbiamo infatti considerare che le fabbriche di materassi più note, Ennerev Simmons Dorelan Tempur, eccetera non vendono i tessuti dei propri materassi, cercando di incentivare l’acquisto di un nuovo materasso, quindi il tessuto andrà sostituito con un rivestimento commerciale (passatemi il termine più consono ad un autoricambista!). Se pensate di dover sostituire la fodera del vostro materasso in Lattice Memory o molle date un’occhiata alla pagina dei tessuti su misura per materassi.

tessuti materassi


Spoglia il materasso:  Togli la biancheria, piumoni e rivestimento del materasso. Il calore uccide gli acari della polvere del  tuo letto, quindi è bene controllare le etichette del produttore per capire il massimo del calore che puoi utilizzare per impostare lavatrice e asciugatrice.

igienizzare e pulire il materasso


1. Sbattere il materasso con l’Aspirapolvere 

L’alleato numero uno nella pulizia del materasso, soprattutto se il materasso non può essere spogliato della fodera. Vi ricordate i materassi in lana piegati in due sulla rete ogni mattina? La manutenzione e la pulizia all'epoca era diversa ma gli si dedicava più tempo che oggi. Il materasso si ripuliva ogni anno con l'aiuto del materassaio e si sbatteva all'aperto una volta a settimana. Oggi si usano gli aspirapolveri specifici per materassi che simulano lo sbattere del battipanni (ATTENZIONE: aspirapolveri multi uso potrebbero portare batteri dal pavimento al vostro materasso e non essendo specificici potrebbero danneggiare il tessuto e l'imbottitura dei materassi).

Anche dopo aver lavato il guscio di rivestimento del materasso è bene passare l’aspirapolvere, infatti anche gli acari morti provocano allergie! Come passare l'aspirapolvere sul materasso? Inizia dalla parte superiore del materasso e lavora verso il basso in percorsi stretti, sovrapposti e poi aspira ai lati del materasso nello stesso modo senza capovolgere il materasso.

Il mangia acari Simmons Aspirac oltre ad aspirare la polvere e gli acari disinfetta il materasso con una lampada led.
aspirapolvere materassi
2. Deodorare il materasso: Questa procedura si consiglia se il tessuto esterno non è sfoderabile, per effettuare un vero e proprio lavaggio del materasso, perché intriso di odori e umidità, ma si può applicare anche all’anima del materasso spogliato del tessuto. Cospargi bene con bicarbonato di sodio e strofina con una spazzola in modo che entri nel tessuto del materasso o nell’anima centrale se lo hai potuto sfoderare. Se vuoi anche profumare il materasso consiglio di mescolare il bicarbonato di sodio con qualche goccia di olio essenziale. La lavanda è nota per aiutare il sonno, ma il sandalo ha un’ottima fragranza. Il bicarbonato di sodio deve riposare per 10 minuti, e po vedi il punto 3.


3. Ancora l’aspirapolvere: con il lavaggio a base di bicarbonato di sodio hai aiutato il materasso a eliminare umidità ed altre impurità. Aspira una seconda volta eliminando il bicarbonato che avrà attirato a se umidità e cattivi odori.

4. Togliere le macchie dal materasso

macchie di sangue, urina e altro

Le macchie più difficili: sangue, urina, e quello che ci limiteremo a chiamare "altri fluidi corporei". Se si riesce ad intervenire immediatamente trattare le macchie con acqua fredda e un po' di detersivo per piatti o perossido di idrogeno (l’acqua calda fissa questo tipo di macchie).
Altrimenti, se le macchie sono già asciutte ecco come procedere:
Togliere le Macchie di sangue dal materasso:
La macchia di sangue secca sul materasso può essere trattata facendo una pasta con un 1/4 di tazza di caffè acqua ossigenata mescolato con 1 cucchiaio di sapone per piatti e sale da tavola. Strofina  questa macchia e lascia riposare fino a farla seccare prima di raschiare via il residuo. Togli i residui di macchia con uno straccio bianco immerso in perossido di idrogeno, ruotando lo straccio verso l’estensione della macchia. Utilizzando uno straccio bianco impedisci il trasferimento di colorante dal panno al materasso.

Il sapone per i piatti è utile anche per le macchie di caffè, ma non l'acqua ossigenata.

macchie caffè materasso

Macchie di pipì sul materasso:

Le chiazze di urina sono molto difficili, ma non impossibili da togliere una volta asciugate, ma questo metodo ha contribuito in modo determinante a salvare diversi materassi in casa mia.
In primo luogo, sciogliere 3 cucchiai di bicarbonato di sodio in 25 cl di perossido di idrogeno quindi aggiungere una o due gocce di sapone liquido per stoviglie. Tamponare questa soluzione sulle macchie di urina. Se la macchia persiste, attendere che il materasso sia asciutto allora mixa insieme 3 cucchiai di detersivo in polvere (che non contenga candeggina ossigenata) e 1 cucchiaio di acqua per fare una schiuma a secco. Stendere il composto sulla macchia e lasciare riposare per 30 minuti. Raschiare via ogni residuo e aspirare bene.

Altri fluidi corporei (vomito, etc.):
Usando uno straccio bianco, asciuga la macchia senza acqua o smacchiatori, aggiungi eventualmente ammoniaca profumata. Pulisci l'area con un panno pulito, umido e cospargi la macchia con bicarbonato di sodio per neutralizzare l'odore di ammoniaca ed estrarre l'umidità persistente. Una volta seccata aspirare completamente la zona.

Mantenere pulito il materasso

arieggiare materasso

Proporre l'utilizzo di un coprimaterasso impermeabile è frainteso, perchè si associa alle perdite notturne dei bambini e degli anziani. Ma il coprimaterasso impermeabile serve soprattutto come barriera di liquidi compresi sudore e altro. Immaginate quante cellule epiteliali (cibo per acari) ed umidità potremmo risparmiare al nostro materasso!

Dimenticate poi le incerate per materasso e le coperture plasticose, rigide e calde di qualdo eravamo bambini (e la pipì a letto era inevitabile) oggi i coprimaterassi impermeabili non sono in PVC (cioè plastica isolante) ma in espanso spalmato sotto, traspirante per l'aria e impermeabie ai liquidi e morbido cotone sopra (solo i coprimaterassi di qualità hanno questa caratteristica, eccone uno)

coprimaterassi

Consigli, dubbi, perplessità? Poni la tua domanda o condividi la tua esperienza compilando il form del blog qui sotto!

commenti

lascia un commento

Torna su